Global Peace Meditation Day e Oneness Diksha

15/05/2007

Domenica 20 maggio 2007 Dalle Ore 11.30 - 19.00

Global Peace Meditation Day e Oneness Diksha

Evento di portata mondiale più saremo e maggiori saranno gli effetti

Global Peace Meditation Day il suo obiettivo è di coinvolgere moltissime persone, in tutti i continenti, perché possano incontrarsi per meditare insieme sul tema della pace sul pianeta e su come ristabilire l’armonia con la natura.

Come cita l’invito della Laszlo Foundation “Considerato il sottile, ma in momenti critici assolutamente cruciale, effetto della consapevolezza sui valori e sui comportamenti umani, e di conseguenza sull’integrità della vita nella biosfera, lo scopo della meditazione è quello di aggregare, in parti diverse del mondo, una massa critica di cittadini interessati e spiritualmente impegnati, per meditare o pregare al fine di guarire, attraverso il potere della loro coscienza collettiva, il nostro pianeta, strappato dalle guerre e dalla violenza, minacciato dal punto di vista ecologico e in grande pericolo.”

E’ convinzione degli scienziati e filosofi che il pensiero coordinato di così tante persone avrà un effetto riscontrabile, sia a livello locale – con una evidente riduzione del tasso di violenza nella zona, come già provato con gli esperimenti tenutisi negli anni ’60 negli stati Uniti – sia sui valori e sui comportamenti umani, sull’intero pianeta.

Al fine di provare l’esattezza di questa ipotesi, gli effetti della meditazione saranno verificati da uno speciale gruppo di ricerca dell’università americana di Princeton, guidato dal professor Roger Nelson, attraverso speciali computer programmati per generare a caso serie costanti di zero e uno. I computer saranno monitorati per verificare possibili variazioni significative dalla casualità durante i momenti di meditazione: i ricercatori, infatti, sono convinti che l’effetto di questo pensiero armonico indirizzato renderà ordinate le sequenze dei numeri generati dai computer. I risultati saranno diffusi alla stampa e al pubblico in tutto il mondo.

L’EFFETTO DEL PENSIERO INDIRIZZATO

Esperimenti sull’influenza positiva di campi di coscienza armonici sono stati condotti fin dall’inizio degli anni ’70. In una ricerca condotta nel 1974 in quattro città degli Stati Uniti in scoprì che la percentuale di crimini nella zona urbana toccava un picco negativo quando almeno l’1% della popolazione partecipava ai programmi di Meditazione Trascendentale. Il “campo” prodotto dalla meditazione portava ordine e armonia nella vita dell’intera città. Gli scienziati hanno chiamato questo fenomeno di maggiore coerenza nella consapevolezza collettiva “Effetto Maharishi”, in onore del fondatore di Meditazione Trascendentale, che lo aveva annunciato già nel 1960. Ricerche condotte in centinaia di altre città hanno riprodotto lo stesso risultato positivo.

Questa capacità dei campi di coscienza umana di influenzare eventi – e anche il funzionamento di macchine e computer – sta diventando un fatto sempre più accettato dalla comunità scientifica internazionale.

Prove in questa direzione vengono dagli esperimenti dell’ Institute of Noetic Sciences in California, che utilizza random number generators, computer sofisticati che producono stringhe casuali di uno e zero. Test ripetuti sembrano indicare che la consapevolezza collettiva è in grado di influenzare queste sequenze casuali, dando un ordine alle stringhe quando si produce un campo positivo o aumentando l’entropia quando si produce un campo negativo.

L’esperimento del 20 maggio rappresenta un salto epocale. Mai prima sul pianeta è stato organizzato un evento che collega una serie di eventi/meditazioni su larga scala coordinando fedi e culture a Oriente e Occidente. E’ una “Prima globale”. I suoi effetti su strumenti artificiali ad alta sensibilità, come computer complessi, e su gruppi di esseri umani che interagiscono tra loro potrebbe produrre effetti senza precedenti. Dimostrarlo in modo controllato e verificato scientificamente sarebbe una notizia sensazionale e molto positiva per il futuro dell’umanità, perché mostrerebbe che il nostro modo di pensare, e persino I nostri stato di coscienza, possono influenzare il modo in cui noi e gli altri viviamo e agiamo. Potrebbe essere l’”effetto farfalla” che fa la differenza tra un destino di disgregazione verso la violenza e il caos, o uno di passaggio verso una civiltà più pacifica, umana e sostenibile.
A seguito della conclusione positiva Global Peace Meditation Day del 2007, questi eventi diverranno un appuntamento annuale, per culminare nel settembre 2012 con la Embrace the Planet Celebration, organizzata dal Club di Budapest.

ALLE ORE 12 CI SARA' LA CONNESSIONE CON L'INDIA E CON TUTTI I CENTRI SENSIBILI AL PROGETTO

L'INCONTRO E' APERTO A TUTTI COLORO CHE VOGLIONO PARTECIPARE ALL'EVENTO

------------------------------------
ORE 14.30 ONENESS DIKSHA
Cosa è il Diksha
Diksha significa letteralmente “trasferimento di energia”, è il mezzo attraverso cui trasferire l'Energia Intelligente della Natura o l'Energia Divina.

Per mezzo del Diksha inizia un processo neurobiologico nel cervello, che attiva una serie di trasformazioni che portano all’illuminazione. Questi cambiamenti neurobiologici che coinvolgono il risveglio del pieno potenziale del DNA, come pure il risveglio delle controparti fisiche del cervello, sono stati scientificamente comprovati e misurati.

Quando un numero crescente di persone si illuminano ed il loro numero sarà tale da raggiungere una determinata ‘massa critica’, partirà un’onda di illuminazione di massa che si espanderà all’intero pianeta. Sarà l'inizio dell'Età dell'Oro della pace, dell'armonia e della libertà.

Sri Anandagiriji, giovane discepolo indiano di Sri Amma e Sri Bhagavan, fondatori della Oneness University, un’università spirituale, il cui fine è quello di aiutare le persone a realizzare un processo di trasformazione interiore, dice che la Oneness Diksha, porta alla piena consapevolezza di sé e al senso di essere tutti Uno, individualità che rispecchiano e comprendono tutto ciò che ci circonda– come affermano oggi anche le discipline più avanzate, dalla psicologia transpersonale alla fisica quantistica.

Sri Anandagiriji, che vive da molti anni in uno stato altissimo di Illuminazione e che presenta insegnamenti profondi con grande semplicità e saggezza, non viene per fare opera di discepolato, ma come messaggero di pace. In questi anni ha viaggiato molto, tenendo ovunque workshop per il risveglio spirituale. Egli è benedetto da vari stati di coscienza Divina, culminanti in un altissimo stato di Unità che probabilmente pochi individui hanno raggiunto nella storia dell’umanità. Stare alla sua presenza è di per sé un potente Diksha, che trasforma coloro che lo circondano. Il Diksha, così si chiama in sanscrito la luce divina o il processo di Unità, è una chiave per trovare in sé la pace interiore, da trasmettere poi agli altri. Secondo la Oneness University se 64.000 persone nel mondo raggiungeranno questo stato di illuminazione, la terra verrà trasformata… dalla pace e guerre, razzismo, violenza potranno essere sconfitte.

info:

MAHA DEVA, Centro per la Cultura del Benessere
Cascina Orologio 2 - Frazione Boschi 27020 Travacò Siccomario Pavia

Mahadeva.it .

© Scuolainteriore.it :: La Via delle Arti Marziali.
 
Stampa :: Torna alla Home